venerdì 22 febbraio 2013

Redditometro viola la privacy e diritto di difesa

Il redditometro non può sacrificare la sfera privata del singolo cittadino: lo sostiene una sentenza della sezione di Pozzuoli del tribunale di Napoli

Attraverso il monitoraggio delle spese si possono conoscere anche gli aspetti più privati della vita del singolo cittadino, includendo anche le spese per cure mediche. E il redditometro finirebbe per passare al setaccio anche le spese per soggetti diversi dal contribuente (moglie, figli, amici, ecc).

Il Sole 24 Ore - leggi su http://24o.it/iztAz

La sentenza ha stabilito che il redditometro "determina la soppressione definitiva del diritto del contribuente e della sua famiglia ad avere una vita privata, a poter gestire il proprio denaro, a essere quindi libero nelle proprie determinazioni senza dover essere sottoposto a invadenza del potere esecutivo".

Il giudice ha  ordinato di "non intraprendere alcuna ricognizione, archiviazione, o comunque attività di conoscenza sull'archiviazione dei dati" del ricorrente, "cessarla se iniziata" e di "distruggere tutti i relativi archivi".

Oltre alla violazione della privacy bocciatura tecnica del redditometro che userebbe come parametro le stime Istat che "nulla ha a che vedere con la specificità della materia tributaria".

Il redditometro inoltre impedirebbe il diritto di difesa del cittadino perché "rende impossibile fornire la prova di aver speso meno di quanto risultante dalla media Istat" e tutto ciò porterebbe il contribuente a dover affrontare un procedimento "inquisitorio e sanzionatorio".

Link: Per restare aggiornato iscriviti alla nostra Newsletter!
Posta un commento
Related Posts with Thumbnails

Post più popolari degli ultimi 30 gg

Translate