lunedì 7 aprile 2008

Passaggio generazionale in azienda

E’ forse il momento più complesso nella vita di una azienda. coinvolge sia l'impresa ed il suo modo di rapportarsi al mercato, sia la famiglia proprietaria delle quote.

Alcuni passaggi sono fondamentali per gestire la transizione, ma c'è da chiedersi se almeno in parte non siano necessari anche semplicemente alla continuità aziendale.

1 separazione proprietà/azienda
2 forte attenzione a tutti i portatori di interesse (clienti, fornitori, dipendenti, finanziatori, ecc)
3 inserimento di nuovi manager
4 chiara attribuzione delle deleghe

Ma tutto questo ha poco senso se non si riesce a far crescere la fiducia degli altri nei confronti dell'erede e soprattutto dell'erede in se stesso.

Non sempre i consulenti che dovrebbero facilitare il passaggio riescono a mantenersi neutrali. lo schierarsi di consulenti e manager tra il partito del padre ed il partito del figlio è forse il rischio più grave in cui può incorrere l'azienda.


Link: Per restare aggiornato scriviti alla nostra Newsletter!

5 commenti:

Anonimo ha detto...

Argomento alquanto spinoso direi visto i tassi di mortalita' delle aziende dovute proprio al p.g.
Veri i punti che indichi anche se il primo lo modificherei in:
1. Sperazione proprieta' e gestione (sembra assurdo ma la difficolta' piu' grande e' far capire che l'assemblea dei soci e il consiglio d'amministrazione sono due cose COMPLETAMENTE diverse) :S
E poi i consulenti... mmm... non farmi parlare va' ;). La mia esperienza e' che fanno capire a entrambi le parti che sono dalla loro e che l'altra parte e' in torto, brutta e cattiva... perche' se le parti si mettonoo d'accordo il loro ruolo e' terminato. Ma spero che non tutti i consulenti siano cosi'... ;)

Penso che su questo argomento potremmo aprire un forum... :)

Unknown ha detto...

be... un forum potrebbe essere una idea interessante in realtà.
con esperienze e casi pratici...

un buon suggerimento
grazie barbara

Anonimo ha detto...

Eh.. l'idea del forum mi e' sempre piaciuta. ORa non ce n'e' in giro se non legati a studi di consulenza o associazioni.
Un forum "indipendente" non sarebbe male :) e utile a tutti

Unknown ha detto...

si potrebbe chiedere a qualche forum di ospitarci... o alternativamente una volta al mese postare dei temi di rilevanza e commentarli sul blog invitando 4 o 5 persone a partecipare

Anonimo ha detto...

Se no, si puo' sempre crearne uno NEW... piu' indipendente di cosi' ;)
(Per esempio utilizzando http://www.forumfree.org)

NB. Lo so' sono una inseminatrice di idee... ma che ci posso fare ;) Io la butto li'... :)

Related Posts with Thumbnails

Post più popolari degli ultimi 30 gg

Translate