mercoledì 23 ottobre 2013

Stabilità: Tutte le cose che non ti ho detto

La Legge di Stabilità 2014 varata dal Governo Letta non piace quasi a nessuno. Non piace per l’inconsistenza dei provvedimenti che, a fronte di una ridicola riduzione del cuneo fiscale sul costo del lavoro, introducono nuove tasse più nascoste e meno immediatamente percepibili dall’opinione pubblica.

Resta il fatto che la vera manovra è un’altra di cui ben poco si è discusso:
  • aumento Iva al 22%: considerata scontata ed eredità di governi precedenti, ma il grosso della tranquillità dei mercati finanziari deriva da questo. Un costo non banale per i contribuenti;
  • patrimoniale: lenta ed inesorabile presenza delle ultime finanziarie, si compone di un aggravio sulla tassazione immobiliare e sui costi di gestione dei C/C. Di questi giorni la proposta del Fondo Monetario Internazionale di un prelievo forzoso una tantum del 10% “del patrimonio delle famiglie con ricchezza netta positiva”  per ridurre il debito dell’euro zona. Speriamo non scateni le fantasie del Governo;
  • scudo fiscale: nella versione più elegante di Letta viene denominato “voluntary disclosure dei capitali detenuti all'estero”. Sia chiaro, la norma ha senso ed è un percorso già iniziato da altri Paesi. Perché non dirlo chiaramente? Perché deve essere proposto a bassa voce? Che il Paese ne discuta serenamente;
  • Inps - aumento della gestione separata al 33%: la legge 92 del 2012 (riforma Fornero) ha stabilito un progressivo aumento della aliquota Inps per gli iscritti alla gestione separata (consulenti e professionisti senza cassa, eccetera) fino al 33% entro il 2018. Il primo incremento di un punto percentuale avrà luogo dal 1° gennaio 2014.

Continua la lettura del mio editoriale su MySolutionPost

Link: Per restare aggiornato iscriviti alla nostra Newsletter!
Posta un commento
Related Posts with Thumbnails

Post più popolari degli ultimi 30 gg

Translate