venerdì 20 giugno 2008

Passaggio generazionale: gli errori da evitare

Gli errori in cui facilmente si cade sono sia psicologici sia organizzativi.

Innanzitutto la maggior parte degli imprenditori italiani dà per scontata la prosecuzione dell’impresa da parte dei propri discendenti e non considera alternative per la gestione del passaggio generazionale, come l’ingresso di partner finanziari o la cessione del patrimonio aziendale o anche semplicemente la nomina di manager esterni.


C’è poi un problema di pianificazione: l’inserimento degli eredi nella struttura societaria richiede anni di progettazione. Trascurare il fattore tempo può mettere a rischio la solidità aziendale.
Nella fase di pianificazione, inoltre, occorre tener ben presente che è necessaria la condivisione degli obiettivi tra le parti coinvolte. La condivisione delle decisioni in merito deve coinvolgere i soci attuali così come gli eredi.


Infine, occorre tenere ben presente che designare un erede per la gestione della propria azienda significa da un lato saper scegliere chi mettere al timone, dall’altro gestire la relazione tra questi e gli altri membri della famiglia. La questione si pone principalmente in termini di distribuzione del patrimonio e può essere risolta assegnando asset diversi dalle partecipazioni, dopo aver adeguatamente distinto il patrimonio sociale da quello familiare.

Posta un commento
Related Posts with Thumbnails

Post più popolari degli ultimi 30 gg

Translate