mercoledì 2 novembre 2011

Emergenza sconfinamenti: termini ridotti alla metà dal 1 gennaio 2012

Oggi, proprio mentre stavo analizzando con un cliente la sua situazione bancaria e valutando l'ipotesi di una ristrutturazione  del debito ricevo una email di spam ma per una volta con un contenuto interessante:

Gli sconfinamenti strutturali (cioè non occasionali) che alla data del 1 gennaio 2012 risulteranno in essere da 90 o più giorni, saranno considerati “esposizione scaduta” (c.d. past due) e comporteranno un automatico downgrading del cliente con possibili conseguenze anche sui tempi di passaggio dell’esposizione complessiva a sofferenza.

Attualmente le banche italiane considerano “esposizione scaduta” lo sconfinamento al superamento dei 180 giorni dalla scadenza del credito concesso o della rata non pagata.

Ciò in deroga alla definizione di inadempienza (cd. default) prevista dall’Accordo di Basilea 2, entrato in vigore dal 2007, che stabilisce che debba essere considerato in default il cliente che presenti verso la banca debiti scaduti da oltre 90 giorni.

L’Italia, infatti, (tra i Paesi facenti parte del G10, le cui banche centrali sono firmatarie dell’Accordo) all’epoca dell’entrata in vigore di Basilea 2, ha optato per l’adozione di un termine più lungo (appunto, 180 giorni) in considerazione della “fisiologia del ritardo nel servizio del debito, riscontrata nel nostro paese”; è stata, dunque, consentita una deroga per innalzare il predetto limite da 90 giorni a 180 giorni e comunque fino e non oltre il 31.12.2011.

L’abbassamento del rating dovuto a ragioni esterne al rapporto banca / cliente e non collegato alla situazione oggettiva del cliente, difficilmente potrà essere contrastato.

L'informazione lo confesso mi era sfuggita e mi chiedo quanti ne siano a conoscenza.

Ho chiesto informazioni in rete e ne ho avuto la triste conferma.

Ad una prima reazione poco urbana sono seguite alcune riflessioni:
  • Irap anche per le imprese in perdita (non condivido le lamentele di molti data l'origine dell'imposta ma è un dato di fatto);
  • Interessi passivi a deducibilità limitata (detta alla grossa: più perdo meno deduco);
  • riporto delle perdite fiscali limitato all'80%;
  • Titolo di privilegio alle sanzioni fiscali che limiterà il recupero dei crediti in caso di clienti in fallimento o altra procedura concorsuale;
  • aumento degli interessi passivi e stretta del credito aggravata dalla notizia appena letta e chi rivelerà temo dirompente;
  • futura patrimoniale o comunque aggressione ai risparmi personali degli imprenditori e delle famiglie (che renderà più difficile decidere di ricapitalizzare le imprese).
Se ci aggiungiamo la crisi recente e mai risolta, son sincero oggi non c'è molto da stare allegri. La casa crolla e non ce ne rendiamo conto.

Link: Per restare aggiornato iscriviti alla nostra Newsletter!
Posta un commento
Related Posts with Thumbnails

Post più popolari degli ultimi 30 gg

Translate