giovedì 7 novembre 2013

Patti di famiglia e passaggio generazionale

Con la legge n. 55 del 14 febbraio 2006 e successive modificazioni, il legislatore ha introdotto nel nostro ordinamento giuridico l'istituto del “patto di famiglia” che consente al titolare dell’impresa di anticipare il momento del trasferimento dell’azienda o delle partecipazioni sociali ai discendenti o al discendente che si reputi più adatto alla gestione dell'impresa.
Il patto di famiglia è un contratto plurilaterale che consente di realizzare molteplici obiettivi:
  • prevenire ed evitare l’insorgere di liti ereditarie;
  • tutelare il valore e la capacità occupazionale delle aziende familiari;
  • assegnare il controllo societario ai soggetti ritenuti dall’imprenditore capaci di garantire la continuità gestionale dell'impresa.

    Nozione: In base all’art. 768 bis e seguenti è patto di famiglia il contratto con cui, compatibilmente con le disposizioni in materia di impresa familiare e nel rispetto delle differenti tipologie societarie, l'imprenditore trasferisce, in tutto o in parte, l'azienda, e il titolare di partecipazioni societarie trasferisce, in tutto o in parte, le proprie quote, ad uno o più discendenti.

    Continua la lettura del mio editoriale su MySolutionPost

    Link: Per restare aggiornato iscriviti alla nostra Newsletter!
    Posta un commento
    Related Posts with Thumbnails

    Post più popolari degli ultimi 30 gg

    Translate